martedì 7 giugno 2016

PARCO DELLA MEMORIA LETTERARIA ITALO-ALBANESE


PARCO DELLA MEMORIA LETTERARIA ITALO-ALBANESE

GRECI -KATUNDI

1.  STORIA E TESTI LETTERARI






NOVITA’ EDITORIALI: Greci Civitas Memoranda vol. 1 2016
GRECI-KATUNDI CIVITAS MEMORANDA, STORIA RELIGIOSA
CALAMEO.COM
Greci-katundi profili religiosi, cultura italo-albanese, arbreshe
CALAMEO.COM

di GIOVANNI ORSOGNA 2016


Opera Scanderbeg Act 1.1 VIVALDI/VENERUCCI




L’Italia per il Centenario dell’Indipendenza albanese.
12/11/2012
-
L’Italia si unisce ai festeggiamenti del Centenario dell’Indipendenza albanese con varie iniziative (3 novembre – 14 dicembre 2012)
Con la proiezione del film Anija – La nave degli albanesi di Roland Sejko lo scorso 3 novembre all’interno del Festival di Cinema Albanese si sono ufficialmente aperte le attività organizzate dall’Ambasciata d’Italia e dall’Istituto Italiano di Cultura di Tirana in occasione del Centenario dell’Indipendenza Albanese.
La partecipazione italiana alle celebrazioni del Centenario proseguirà con una serie di appuntamenti che avranno luogo durante la Fiera del Libro di Tirana (14 – 18 novembre), a cui l’Istituto Italiano di Cultura sarà presente con uno stand e con un ricco programma dal titolo
L’antica Arbëria per la nuova Albania: omaggio culturale degli Arbëreshë d’Italia al centenario dell’Indipendenza albanese

Il programma, ideato insieme ai Professori Francesco Altimari (Università della Calabria) e Matteo Mandalà (Università di Palermo), gode del patrocinio dell’Ambasciata d’Italia e del sostegno della Fondazione Solano e della Società Albacall. Di tutti gli importanti eventi previsti, si segnalano in particolare la presentazione di un numero monografico della rivista Il Veltro dedicato all’influenza delle relazioni con l’Italia sulla nascita della coscienza nazionale albanese e un convegno di studi dal titolo Gli Arbëreshë, il ruolo della stampa e la questione albanese in Italia tra Ottocento e Novecento, che avranno luogo sabato 17 novembre, dalle ore 16 alle 18. Inoltre lo scrittore arbëreshë Carmine Abate, vincitore della 50° edizione del prestigioso premio letterario Campiello con il romanzo La collina del vento, già tradotto in albanese dalla casa editrice Toena, presenterà in anteprima presso lo stand dell’Istituto di Cultura il libro Le stagioni di Hora, appena pubblicato in Italia come trilogia arbëreshe che comprende i romanzi Il ballo tondo (1991), 
La moto di Scanderbeg (1999) e Il mosaico del tempo grande (2006). La presentazione si terrà venerdì 16 novembre alle ore 11.
Preceduta da una “Introduzione all’Opera” con il noto musicologo Quirino Principe e con il compositore Francesco Venerucci presso lo stand dell’Istituto di Cultura alla Fiera del Libro nel pomeriggio, andrà in scena domenica 18 novembre, alle ore 19, al Teatro dell’Opera e del Balletto, la co-produzione italo-albanese Scanderbeg – Il cavaliere innamorato di Antonio Vivaldi. 
L’opera è un dramma per musica in due atti di Antonio Vivaldi su libretto di Antonio Salvi, rappresentato in occasione dell’apertura del Teatro della Pergola di Firenze nel 1718 e poi andato perduto. Il recupero dei frammenti della musica, la loro integrazione e la rielaborazione del libretto conservato integralmente si deve ad una ormai collaudata collaborazione fra Teatro dell’Opera e del Balletto di Tirana e Verona Accademia per l’Opera Italiana. Oltre ai Maestri Quirino Principe e Francesco Venerucci, partecipano da parte italiana a questa interessantissima operazione di recupero il M° Giorgio Brunello come co-direttore, Carlo Saletti (regia), Lino Privitera (coreografia), Lorena Marin (costumi), Giorgia Guerra (regia), Andrea La Cagnina (scenografia), Giancarlo Cauteruccio (multimedialità). 

L’opera, co-prodotta da Teatro dell’Opera e del Balletto, Verona Accademia per l’Opera e Istituto Italiano di Cultura, sarà replicata il 19 e il 20 novembre 2012.
Il 21 e 22 novembre, rispettivamente a Tirana, presso il Teatro Nazionale, e ad Elbasan nel quadro del festival Skampa, l’Istituto Italiano di Cultura presenterà lo spettacolo teatrale Italianesi, di e con Saverio La Ruina, che racconta la tragedia sconosciuta della prigionia degli italiani condannati come «nemici» dal regime comunista, del loro difficile rientro in Italia dopo 40 anni e della loro condanna di sentirsi senza identità, italiani in Albania e albanesi in Italia.
Il TIFF (Tirana International Film Festival) si aprirà e chiuderà all’insegna del cinema italiano: venerdì 23 novembre sarà proiettato in anteprima albanese, alla presenza del regista, il film-documentario La nave dolce di Daniele Vicari, presentato fuori concorso e premiato (Premio Francesco Pasinetti per il documentario) alla 69° edizione della Mostra del Cinema di Venezia e prodotto da Indigo Film e Apulia Film Commission, con Rai Cinema in coproduzione con Ska-ndal Production e in collaborazione con Telenorba. L’opera ricostruisce con immagini d'archivio e testimonianze dirette lo sbarco nel porto di Bari di ventimila profughi albanesi avvenuto l'8 agosto 1991 dalla nave Vlora, carica di 10 mila tonnellate di zucchero. Approdati sulla costa pugliese a migliaia, davanti allo sguardo attonito e incredulo di una nazione, la maggior parte degli immigrati viene rimpatriata, qualcuno riesce a restare. Sempre dall’ultima Mostra del Cinema di Venezia arriva il film È stato il figlio di Daniele Ciprì con cui, alla presenza del regista, si chiuderà il TIFF sabato 2 dicembre.
Dopo il sostegno all’importante concerto che l’Orchestra Giovanile Albanese terrà il 26 novembre 2012 al Teatro dell’Opera e del Balletto in collaborazione con la Scuola di Musica di Fiesole, sotto la direzione del M° Aldo Ceccato, l’Istituto Italiano di Cultura chiuderà le attività del 2012 con una Mostra di stampe fotografiche a cura della Società Geografica Italiana dal titolo Paesaggi d’Albania. Lo sguardo dei geografi e viaggiatori italiani nella prima metà del XX secolo, dall’Archivio della Società Geografica italiana. La mostra, allestita dal 7 al 14 dicembre 2012 presso il Museo Nazionale di Tirana, sarà arricchita dalla proiezione del documentario Albania, il paese di fronte, realizzato dal regista Roland Sejko nel 2009 utilizzando repertori storici del Luce e degli archivi albanesi. La mostra e il documentario, che ripercorre la storia dell’Albania e delle sue relazioni con l’Italia dalla proclamazione dell’Indipendenza al crollo del regime di Enver Hoxha, saranno successivamente presentato in varie città del Paese.